Modena.press

Tutte le notizie su Modena e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Modena, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Sfregia tre amici e rapina un uomo, fermato a Sassuolo


SASSUOLO. Un 28enne è in carcere dopo essere stato fermato dai carabinieri di Sassuolo con un'indagine in sinergia tra il Nucleo Operativo e i colleghi della caserma. E' accusato di rapina e lesioni personali aggravate al termine di una giornata in cui ha ferito tre persone per poi trasformarsi in rapinatore.



L'escalation criminale dell'uomo di origini magrebine, già arrestato in passato per furto e denunciato per possesso di possesso di armi, è iniziata intorno alle 18 di venerdì 18 gennaio quando, in zona Braida, ha avuto un diverbio con un connazionale che ha sfregiato con un coltello.



Poco dopo, in evidente situazione di alterazione alcolica, è stato bloccato da un vigilantes della coop Mezzavia mentre si trovava in compagnia di altri due amici. Si è allontanato non prima di aver mostrato alla guardia giurata il coltello, arma che ha usato intorno alle 19 proprio contro i due conoscenti. I feriti, seppur irregolari in Italia e al contrario del primo sfregiato, hanno fatto ricorso alle cure del pronto soccorso dove i carabinieri hanno iniziato a ricostruire l'accaduto.



Ma l'ultimo atto è stato determinante per arrivare al fermo di polizia giudiziaria: era l'una di notte quando il 28enne si è introdotto in un appartamento del quartiere Braida. Voleva rubare, ma è stato sorpreso dal proprietario appena tornato: ne è nata una colluttazione con il marocchino che ha brandito una spranga, tentando ci colpire l'uomo, che ha ricevuto l'immediato aiuto di un vicino. Il rapinatore, che nel frattempo si era impossessato di 400 euro in contanti, si è dileguato in sella ad una biciclcetta. Ma proprio il suo abituale mezzo di trasporto è stato decisivo per identificarlo alla pari delle fotografie sottoposte alle vittime.



I carabinieri della caserma locale, infatti, conoscono bene quella bici e sanno anche chi è solito utilizzarla. Insieme ai colleghi del Norm hanno quindi chiuso il cerchio e intorno alle 17 di sabato 19 gennaio è scattato il fermo, avvenuto sempre a Braida dove il 28enne, irregolare in Italia ma su cui non risulta alcun decreto di espulsione, è solito aggirarsi. Addosso aveva anche qualche grammo di hascisc tanto che, oltre all'arresto sarà denunciato anche per possesso e spaccio di sostanze stupefacenti.