Modena.press

Tutte le notizie su Modena e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Modena, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

“Otello”, spettacolo di danza contemporanea in scena al Duse di Bologna

Il 30 gennaio alle 21 al Teatro Duse di Bologna torna in scena nella versione originale ‘Otello, una delle produzioni di maggiore successo del Balletto di Roma a firma Fabrizio Monteverde, uno dei migliori autori italiani di danza. Sulle musiche di Antonin Dvořák, il coreografo rivisita il testo shakespeariano lavorando sugli snodi psicologici che determinano la dinamica dell’ambiguo e complesso intreccio tra i protagonisti Otello, Desdemona e Cassio.


Nell’immaginario comune la figura di Otello è indissolubilmente legata alla gelosia, all’estremizzazione di un sentimento malsano, a quel tipo di gelosia che può culminare in tragedia. A questa visione il coreografo Fabrizio Monteverde si accosta non solo rinunciando all’utilizzo del movente principale dell’azione, cioè la parola, ma moltiplicando esponenzialmente l’azione stessa, fino a far diventare il destino del singolo una pena generale. Come nella tragedia di William Shakespeare, anche nella coreografia di Monteverde, è il personaggio di Iago ad insinuare il dubbio fatale del tradimento di Desdemona nei confronti del Moro e ad architettare la trama che condurrà quest’ultimo al folle atto finale. Attraverso la musica di Antonín Dvořák, Monteverde scava nella psicologia dei personaggi shakespeariani e fa dirigere l’azione, oltre che al sentimento principale della gelosia, alle peculiarità singole che ricava da quegli stessi personaggi. In questo modo, Desdemona si carica di quel potere seduttivo che nell’opera originale rimane presente esclusivamente nelle parole di Iago. Lo stesso scenario, nello spettacolo, cambia connotazioni e ruolo: non si sa più se la scena si svolga a Venezia o sul litorale dell’isola di Cipro. I personaggi di Monteverde sono trasportati in un ‘altrove’ in cui ognuno può essere ‘chiunque’ e dove, soprattutto, il ‘diverso’ non esiste. Così Otello perde, oltre che la parola, anche una delle connotazioni che lo caratterizzano maggiormente: il suo destino non è più solo il suo, ma coinvolge le coppie presenti sulla scena, attraverso l’uso frequente del canone nel quale il male, seppur in maniera slittata, colpisce tutti.


Il tema dello straniero lascia posto ad una violenza generale che pone l’accento sulle dinamiche relazionali dello scontro e del confronto fra uomo e donna, una riflessione sul perenne conflitto dei sessi nel quale, in questo caso, la donna resta sempre succube. Questo tipo di contrasto viene espresso anche nei passi che vedono solo gli uomini in scena, in particolare nei dialoghi danzati che interessano Otello e Iago, dove l’influenza negativa di quest’ultimo viene manifestata nei passi del danzatore, che a mano a mano che prosegue il duetto assorbe e riproduce le connotazioni dei movimenti del suo consigliere.


BIGLIETTERIA


Dal lunedì al sabato, dalle ore 15 alle 19 e da un’ora prima dell’inizio degli spettacoli.


Via Cartoleria 42, 40124 Bologna | 051 231836 | biglietteria@teatrodusebologna.it


On line: circuito Vivaticket e Ticketone.