Modena.press

Tutte le notizie su Modena e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Modena, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Modena Una foresta appare sul muro di scuola Addio al grigiore alle Saliceto Panaro


La foresta ha invaso la scuola!  L’elementare Saliceto Panaro è sempre più avvolta da una folta vegetazione dove gli alberi hanno sovrastato il cemento e i colori della natura ricoprono il grigio del muro. Non è una magia, ma il murale “Bosco incantato” su cui fervono i lavori di mamme e papà.





Le prime tre “puntate” della pittura sono state affidate al Comitato Genitori Saliceto Panaro. Da martedì prossimo i pennelli passeranno invece alle alunne e agli alunni della scuola. «I bambini sono i veri protagonisti del Bosco – riconosce Eleonora Cannella, presidente del Comitato – e non vedono l’ora di poter disegnare sul muro».





I genitori hanno disegnato le sagome degli alberi e le dipingono con diverse passate di verde. L’idea di dedicarsi e dipingere il muro dell’istituto di via Frescobaldi ha avuto sin dall’inizio il sapore della conquista, anzi… della riconquista. «Il muro era molto, molto rovinato, distrutto, pieno di muffa – descrive Eleonora – Così abbiamo deciso di creare un murale, costruendo un progetto compartecipato con la direzione didattica dell’Istituto Comprensivo 4. I docenti e i bambini hanno anche lavorato in classe al bosco mentre noi ci stiamo cimentando all’esterno per dare un tocco di colore».





La lampadina s’è accesa all’inizio dell’anno scolastico. Tra settembre e ottobre il Comitato Genitori Saliceto Panaro ha infatti incontrato il dirigente Pasquale Negro e condiviso l’idea a cascata con i docenti, gli altri genitori e gli alunni. Poco dopo, gli ideatori hanno avanzato la richiesta di patrocinio al Comune, che ha valorizzato il progetto. La “zona rossa” ha rallentato l’avanzata del verde degli alberi, ma ha permesso al grigio del muro di “impallidire”: tutto merito di un genitore, intervenuto con una ditta specializzata che ha fatto sì che la parete esterna della scuola venisse scrostata e intonacata.





In generale, il gioco di squadra ha permesso al Comitato di operare con spirito collaborativo, preparando il terreno al gioco dei figli. «Ogni genitore ha fatto il suo in base alle proprie competenze – ripercorre la presidente del comitato – C’è stato chi ha sanato il muro, chi ha contribuito alla realizzazione grafica del progetto, chi s’è interfacciato con il preside e il Comune per avere il patrocinio».





Martedì, gli studenti si cimenteranno con il murale vero e proprio. La pittura approntata dagli adulti avrà un effetto incoraggiante, ma non sarà una novità. Qualche alunno ha già potuto osservare i genitori all’opera e di certo nessuno avrà dimenticato le lezioni in cui s’è discusso il progetto nelle aule. «Con i docenti s’è condiviso il modo con cui lavorare al progetto in classe – riprende Cannella – Attraverso la metafora del bosco s’è potuto far creare ai bambini i disegni di personaggi fantastici e reali. S’è lavorato tanto per le emozioni. Per noi era fondamentale vedere la partecipazione dei nostri figli».





La presidente del Comitato è felice della coesione rafforzata con il progetto. «C’è un forte senso di appartenenza che ci lega e ci rende uniti – garantisce – permettendoci di essere inclusivi e partecipativi». Le rivalità su quale possa essere il figlio migliore in una disciplina piuttosto che in un’altra non potrebbero essere più lontane. Basta osservare il modo con cui la presidente esibisce con orgoglio la felpa blu con la scritta “IC4”. La medaglia che la rende più orgogliosa si ritrova nelle reazioni dei giovanissimi. «I bambini rispondono in un modo incredibile – aggiunge Cannella – Sono passati a trovarci, hanno tutti disegnato qualcosa, hanno elaborato di tutto e di più».





Le tappe del 21 aprile, del 5 maggio e di ieri saranno seguite dai disegni di flora e fauna affidati ai protagonisti dell’istituto. «Impostiamo le sagome e dobbiamo assolutamente preparare tutto quanto per la sicurezza – anticipa la coordinatrice del progetto – I bambini dovranno avere la loro postazione e non si potranno creare assembramenti. Sono tutti entusiasti: è bello vedere anche il vicinato contento». Così la rinascita si unisce all’educazione ambientale e alla salute promossa dal Comitato. I genitori precorrono in questo modo il progetto “Muri liberi”, approvato dal Comune lo scorso giovedì. L’inaugurazione è invece attesa per venerdì 4 giugno alle 10. «Ci teniamo che i bambini possano camminare in serenità – conclude Eleonora – e gustarsi il murale pian piano. C’è una forte emozione: tutti hanno un’aspettativa incredibile». —


Modena.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza