Modena.press

Tutte le notizie su Modena e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Modena, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Modena, rischio arancione scuro Il boom dei positivi ora preoccupa


«Stiamo affrontando l’inizio della terza ondata», ha detto Stefano Bonaccini.



Il presidente dell’Emilia Romagna è preoccupato dall’aumento dei contagi registrato in regione negli ultimi dieci giorni. Un aumento da cui Modena non è esente. Ieri i nuovi casi sono stati 515, un dato molto alto e che impone riflessioni su possibili misure più restrittive.



È già successo a Bologna dove Bonaccini ha istituito la cosiddetta zona “arancione scuro” per tutti i Comuni della Città Metropolitana. Le regole sono più severe rispetto all’arancione semplice e prevedono il divieto di spostamento anche all’interno del proprio Comune, visite ad amici e parenti compresi. Didattica a distanza al 100 per cento da lunedì per scuole elementari, medie, superiori e università, in presenza solo nidi e materne. L’obiettivo è preservare un bacino da oltre un milione di persone ed evitare che tutta la regione venga trascinata verso una zona rossa imposta dall’alto (leggi il Governo) e che implicherebbe un sacrificio ancora maggiore, come la chiusura dei negozi al dettaglio. Un ulteriore colpo di mannaia per l’economia provata da mesi di pandemia.



Sono in corso valutazioni anche per la zona del Modenese che per ora resta arancione semplice, ma i dati forniti ieri dall’Azienda ospedaliero universitaria non sono buoni. La direzione di Policlinico e Baggiovara ha comunicato che attualmente sono attivi per Covid 238 posti letto: 178 di degenza ordinaria e 60 posti letto tra intensiva e semintensiva. Il numero dei ricoveri Covid è di 213, l’89 per cento dei posti letto di disponibili. Delle persone ricoverate, 161 sono in degenza ordinaria (su 178 posti disponibili) e 52 tra intensiva e semintensiva (su 60). Una percentuale così alta di riempimento dei posti letto potrebbe a breve rendere necessario la trasformazione di alcuni reparti in Covid, con l’ormai abituale sacrificio di spazi per gli altri pazienti e le altre patologie.



Le valutazioni sono in corso e non si possono escludere al momento decisioni che prevedano misure differenti per singoli territori anche all’interno della stessa provincia. Pure il direttore della Sanità pubblica modenese, Davide Ferrari, ieri ha fatto intendere che nel Modenese non tutti i distretti sanitari hanno un andamento uniforme del virus. Potrebbe quindi essere imposta la zona arancione scuro solo per alcuni gruppi di Comuni. Non ci sono incontri ufficiali in agenda con i sindaci, è solo un’ipotesi al vaglio della sanità regionale che insegue l’obiettivo di stringere le maglie ed evitare la diffusione delle varianti che hanno dimostrato una maggiore capacità di diffusione.



Nel frattempo ieri il monitoraggio del ministero della Salute ha indicato per l’Emilia Romagna ancora un indice di contagio Rt superiore a 1 (è di 1,1 e la settimana scorsa era di 1,06): nessun cambio di colore, viene confermata la zona arancione. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA





 


Modena.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza