Modena.press

Tutte le notizie su Modena e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Modena, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Modena, l'Ausl cerca volontari per i vaccini: «Aiutateci»


C’è chi potrebbe definirla una “chiamata alle armi” quella fatta ieri dall’Ausl in vista di dicembre, che sarà un mese decisivo nella somministrazione della terza dose del vaccino contro il Covid: il succo è che servono volontari per consentire un elevato numero di somministrazioni giornaliere.



L’anticipo al quinto mese della terza dose significa per Ausl vedere crescere in modo esponenziale il numero di persone da vaccinare: l’Ausl che aveva già lavorato per contattare via SMS tutte le persone eleggibili al 31 dicembre 2021, sta già recuperando e inserendo nei sistemi informatici la coorte di coloro per i quali i 5 mesi termineranno entro la fine dell’anno. Si parla di un incremento di quasi 105mila cittadini che si aggiungono agli oltre 188mila già convocati o in corso di convocazione.



E visti questi numeri il direttore generale Antonio Brambilla lancia un appello deciso a tutta la cittadinanza modenese: «È un invito: aiutateci nella campagna vaccinale». Brambilla e Silvana Borsari, direttrice sanitaria, chiedono di «donare un po’ del proprio tempo alle attività che si svolgono ai Punti vaccinali. Non sono richieste competenze specifiche: è sufficiente essere maggiorenni e avere adempiuto all’obbligo scolastico per partecipare; la candidatura è inoltre rivolta a sanitari ed ex sanitari che invece potranno essere impiegati in ruoli connessi alla propria professionalità».



Che cosa dovrebbero fare i cittadini-volontari?



«Anche coloro non appartenenti ad associazioni di volontariato – proseguono da Ausl – possono collaborare alla fase di accoglienza (rilevano la temperatura corporea all’ingresso, verificano il rispetto delle misure di prevenzione, forniscono indicazioni su dove andare e a chi rivolgersi), alla compilazione moduli (si accertano che le persone abbiano portato e compilato i documenti per la vaccinazione), attesa post vaccinale (controllo del tempo di permanenza). Mentre i sanitari iscritti a un ordine professionale (infermieri, medici, ostetriche, assistenti sanitari, ecc anche in pensione) possono vaccinare o partecipare alle procedure sanitarie all’interno del punto vaccinale. Infine coloro che lavorano o hanno già lavorato in ruoli amministrativi presso un’azienda sanitaria possono occuparsi delle procedure amministrative all’interno del punto vaccinale».



Sarà una vera e propria sfida che Brambilla vuole vincere per riuscire a vaccinare tutti coloro che ne hanno diritto entro la fine dell’anno. È un’urgenza dettata anche dal lieve ma costante aumento dei casi.



Il tasso settimanale di incidenza è passato dai 68 ogni centomila abitanti di due settimane fa ai 109 della scorsa settimana. Ancora una volta sono le fasce di età al di sotto dei 12 anni a spingere in alto il dato. L’incidenza tra i 6 e i 10 anni è a 250 più del doppio di quella ad esempio tra i 65 e i 74 anni (117). Anche i ricoverati sono cresciuti. Si è arrivati a 46, di cui 5 in Terapia intensiva e 2 in subintensiva. L’età media dei ricoverati è di 63 anni. I ricoverati con almeno una dose sono il 62% (un dato che va sempre commisurato con la percentuale di vaccinati sul totale della popolazione che è vicina al 90%).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

 


Modena.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza