Modena.press

Tutte le notizie su Modena e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Modena, Emilia Romagna e dintorni

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Modena-Bologna, marchio turistico «per un soggiorno senza pensieri»


MODENA. Un’alleanza che si rafforza, con l’obiettivo di valorizzare al meglio due territori che hanno tanto da offrire a visitatori e turisti e che sono accomunati da diversi aspetti, dalle eccellenze enogastronomiche alla passione per i motori, dalle bellezze artistiche dei centri storici a quelle naturali dell’Appennino. Il tutto garantendo da una parte la sicurezza e il rispetto delle norme anti-Covid in un momento complicato, e dall’altra un’accoglienza «strutturata e funzionale a un soggiorno piacevole e senza pensieri».



Sono gli obiettivi del programma di promo-commercializzazione turistica, il documento con cui Bologna e Modena si presenteranno ai potenziali visitatori e turisti in un momento di ripresa dopo lo stop imposto dalla pandemia nel 2020. Il consiglio metropolitano di Bologna ha approvato il documento con sei favorevoli (Pd), tre astenuti e un contrario, mentre ora si attende il voto in Provincia a Modena. Il piano (tecnicamente Ppct) è stato redatto da Bologna Welcome e Modenatur e ha superato vari livelli di confronto con gli addetti ai lavori, includendo alcune integrazioni. Alla base dell’accordo c’è un’analisi dello scenario del recente mercato turistico con tanti temi trasversali - con un aumento della varietà di prodotti per i quali si andranno a creare gruppi di lavoro ad hoc - ovvero food&wine, enogastronomia valorizzata da visite alle aziende, alle aree di produzioni tipiche, ai musei del gusto con degustazioni, scuole di cucina, show-cooking, tour ed esperienze. Le altre categorie sono outdoor active&slow, verde con un focus sul cicloturismo e bianco, motori, con visite, soggiorni tecnici, incentive e team building, manifestazioni e eventi dedicati.



Linee di prodotto sia per la valorizzazione dell’ambito metropolitano sia per il territorio modenese sono invece city travel (offerta museale, cinema, palazzi e siti storici pubblici e privati, soggiorni break-long weekend), cultura (portici patrimonio Unesco, borghi con rocche e castelli, i luoghi del romanico e del ducato estense), outdoor active&slow, ovvero cammini, cicloturismo, natura e benessere, musica e motori - con valorizzazione del patrimonio musicale, e approfondimenti al tema operistico per Modena - organizzazione più strutturata del prodotto “motori” attraverso il coinvolgimento dei brand territoriali e dell’autodromo di Imola, ma anche le eccellenze della Motor valley, per una valorizzazione a livello mondiale mediante azioni coordinate dedicate, grazie a un lavoro di triangolazione tra Bologna Welcome, Modenatur. Infine, un ruolo centrale lo avranno anche gli eventi sportivi e internazionali, come il Gran premio di Formula 1.



Modena e Bologna lavoreranno anche a nuovi accordi commerciali con compagnie aeree, per dar vita a una serie di educational tour per operatori, e parteciperanno a 27 fiere nel 2022. Sono inoltre previste anche azioni di promozione, a cominciare da un rebranding (immagine unitaria coordinata) e nell’armonizzazione del racconto dell’offerta territoriale, press trip, campagne di digital ads, realizzazione del magazine promenade (lavoro su supporti cartacei e digitali), ma anche potenziamento dell’immagine di Modena correlata a patrimonio Unesco.



Nel nuovo accordo c’è spazio anche per i privati, grazie a una serie di progetti di co-marketing e con servizi dedicati sui temi trasversali. La città metropolitana di Bologna, in funzione di destinazione turistica, e la provincia di Modena hanno un budget di 1.580.000 euro (1.140.000 gestiti dalla città metropolitana, 440.000 gestiti dalla Provincia di Modena).



L’obiettivo del nuovo accordo, insomma, è quello di potenziare l’offerta garantita a turisti e visitatori che verranno a visitare i territori di Modena e Bologna: «Se la percezione di sicurezza ha rappresentato un vantaggio competitivo durante la pandemia - si legge nel documento approvato dalla città metropolitana e ora in attesa del voto della Provincia di Modena - è auspicabile che questo posizionamento, per essere efficace e premiante in un contesto caratterizzato dall’auspicata ripresa, si evolva in un’ottica di servizio», cioè nel «soggiorno piacevole e senza pensieri».



L.G.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

 


Modena.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza