Modena.press

Tutte le notizie su Modena e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Modena, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Diverse centinaia di persone per l’estremo saluto a don Carlo Lamecchi

Tantissima gente ha partecipato alla Santa Messa di commiato di don Carlo Lamecchi: la chiesa dedicata a San Pietro Apostolo,di cui il defunto fu parroco tra il 2001 ed il 2015, gremita così come gli spazi parrocchiali, traffico in tilt tra tanta commozione e cordoglio a testimonianza di quanto questo religioso fosse entrato nel cuore delle persone con la sua intelligenza, la sua cultura e l’enorme spirito di aiutare il prossimo.Don Carlo e la sua passione verso le giovani generazioni, quel suo modo di insegnare e di formare che sta tutto nella capacità di ascoltare per far crescere, germogliare e costruire in un rapporto di scambio che vuol dire abilità nel supportare e nel condividere. Durante l’omelia affidata a don Alessandro Ravazzini, Rettore del seminario diocesano nonchè figlio spirituale di don Carlo è stata ricordata l’importanza per il religioso scomparso della condivisione, a proposito:”La comunità animata con la sua presenza, tante iniziative ed attività che sono il segno del passaggio di don Carlo: grande trascinatore, bravo nel coinvolgere sempre, ovunque e comunque”.Un educatore pronto a servire, infaticabile ma umile nella sua generosità; presenti anche associazioni, autorità civili e religiose, delegazioni dei comuni di Sassuolo, Fiorano, Toano e Villa Minozzo, mentre la cerimonia liturgica è stata concelebrata dal vescovo diocesano Massimo Camisasca insieme al vescovo emerito di Brescia nostro concittadino Luciano Monari, per ringraziare l’impegno e la dedizione di don Carlo nello sviluppo sociale e didattico oltre all’importanza da un punto di vista ecclesiastico e teologico. A nome dell’Amministrazione, in realtà ha portato la voce di un’intera città dispiaciuta e rattristata da questa perdita, il vice-sindaco municipale Camilla Nizzoli:”Ho passato gli anni più importanti della mia vita al tuo fianco. Mi hai aiutata a crescere e mi hai educata con il tuo l’esempio, la tua presenza, la tua saggezza, la tua intelligenza e la tua costante fede che trasmettevi in ogni tuo gesto.Sei entrato in punta di piedi nella mia vita nel 1972 e non te ne sei mai andato, nemmeno ora perchè hai solo cambiato Parrocchia, ma non ci sono parole per esprimere il dolore che provo, non si è mai pronti ad un distacco e quello da te, ha un peso insopportabile.

Grazie di tutto grande Carlo. Eri sei e resterai la mia guida, anche da lassù. Soprattutto da lassù”.Nel giorno dell’Epifania, l’estremo saluto a don Carlo che è stato a suo modo pastore, un camminatore instancabile alla ricerca della Verità: durante il suo cammino ha dispensato “Gocce di rugiada”, senza fare rumore ma piccole e indimenticabili tracce capaci di trasmettere sensazioni e il rumore della vita. Un sacerdote capace di scrutare la vita con quello sguardo magnetico, due squarci di cielo in cammino verso un Dio che lui ha insegnato ad amare…


Modena.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza