Modena.press

Tutte le notizie su Modena e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Modena, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Carpi, il Canile riporta Balto alla vita e lo fa adottare da una famiglia


CARPI. Il lieto fine sulla storia di Balto, pastore tedesco che ad aprile compirà 3 anni, è stato scritto ieri mattina, dopo mille peripezie.



Carpi, l'arrivo nella nuova casa di Balto salvato dal canilefoto da Quotidiani localiQuotidiani locali





L’animale è stato salvato alla cura e dall’amore dei volontari del Canile del Gruppo zoofilo carpigiano. Balto apparteneva a una famiglia cinese dalle scarse possibilità economiche. Aveva la filaria, era molto magro ed era costretto a vivere in spazi angusti e molto ristretti.



«I vigili ci hanno segnalato la situazione di degrado in cui versava - racconta Raffaella Benedusi, volontaria al Canile - Balto, infatti, viveva in condizioni misere. Quando lo abbiamo preso in cura, è risultato positivo alla filaria: lo abbiamo curato e, successivamente, sterilizzato perché aveva un testicolo ritenuto nell’addome. Noi abbiamo fatto di tutto per rimetterlo in sesto e, prima di Natale, una famiglia lo aveva prenotato per l’adozione. Poi, improvvisamente, la stessa famiglia ci ha detto che il figlio aveva portato a casa un cucciolo, quindi non avrebbero più potuto adottare Baldo. Siamo caduti nello sconforto, inizialmente, perché dopo tanti sforzi confidavamo di avere trovato una soluzione per il nostro quattrozampe».



Un altro lieto fine, però, si stava dipanando all’orizzonte: una famiglia di Curtatone, nel Mantovano, ha accolto a braccia aperte Balto. Ieri Raffaella ha accompagnato il pastore tedesco, divenuto nel frattempo, uno dei beniamini del Canile, dai nuovi padroni. «Siamo stati molto fortunati: si tratta di una famiglia allargata in cui tutti amano gli animali - conclude Raffaella - Quando siamo arrivati erano tutti lì ad aspettare Balto. Lo hanno accolto facendogli trovare il riso e il pollo pronti. Sono una famiglia modello che ha sempre adottato presso vari Canili».



Per una storia su cui si può scrivere il lieto fine ce ne sono tante altre che passano dal Canile, su cui ci si augura lo stesso epilogo. Nel frattempo i volontari gestiscono una mole di lavoro immensa: tra i vari animali da gestire si è assistito all’abbandono di due molossi portati al Canile dopo il ritrovamento per strada. —



S.A.

 


Modena.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza